Danza e Canto Afro a Milano in Estate

lezioni estive

Tre lezioni di danza d’espressione africana e canto africano:

giovedì 22 giugno
canto: Tinuviel Orlandi, danza: Marina Michelis

giovedì 29 giugno
canto: Tinuviel Orlandi, danza Marina Michelis

giovedì 13 luglio
canto: Bassita Dao, danza Marina Michelis

musiciti: Baba Diarra, Mario Frascotti, Marco Licata

Un’occasione per danzare e avvicinarsi al canto africano!
Le lezioni sono aperte a tutti, a chi danza, a chi canta e a chi ha voglia di provare entrambe, vi aspettiamo!

Ore 20-22
SPAZIO MAMIWATA – Via Savona 134 Milano
Costo: 15 euro a lezione, promozione 20 euro in due se con te porti qualcuno

Info e iscrizioni: 3470104556 michelis.marina@gmail.com

“Preghiera” di Marina Michelis al Bosco Itala – Osio Sotto

boscoIl 21 GIUGNO per il SOLSTIZIO d’ESTATE
abbiamo la possibilità di riproporre in una cornice suggestiva (Bosco Itala di Osio Sotto)
“Preghiera”
performance di danza d’espressione africana
coreografie e regia: Marina Michelis
danzatrici: Tatiana Gaetani, Ludovica Lulù Ladànce, Virginia Patafi, Lucia Mennella, Tiziana Laviero, Annalisa Casarotto, Cecilia Terrosi, Francesca Pisacane, Anna Ferrando.
musicisti: Mario Frascotti, Marco Licata, Stefano Maantis Gerace

In scena vedrete il risultato dei laboratori coreografici svoltisi durante l’anno 2016-17

Spettacolo di fine Anno

ImmagineOK

domenica 11 giugno ore 19.30 TEATRO NAZIONALE Milano

Due quadri che portano in scena, nello spettacolo di fine anno della LET’S DANCE (www.scuolaletsdance.it), due percorsi e due atmosfere diverse.

MANDALA I COLORI DELL’ANIMA:
un omaggio alle sfumature dell’anima, che creano in ognuno di noi un disegno unico, prezioso e colorato come un mandala.
Danzatori: allievi dei corsi annuali di Marina Michelis
Musicisti:
Babà Diarra, Mario Frascotti, Marco Licata 
Voce narrante: Tatiana Gaetani

PREGHIERA:
Il frutto di 5 incontri laboratoriali durante l’anno, dove allieve di livello eterogeneo si sono messe a nudo, condividendo le proprie emozioni, amalgamandosi nei gesti e nel “sentire”, arrivando a creare un unico corpo danzante, un unico cuore che pulsa.
Danzatrici:
Tatiana Gaetani
Annalisa Casarotto
Ludovica Cattaneo
Virginia Patafi
Tiziana Laviero
Anna Ferrando
Lucia Mennella
Francesca Pisacane
Musicisti:
Mario Frascotti, Stefano Gerace, Marco Licata
Voce narrante: Tatiana Gaetani

 

Favola d’amore – performance di danza d’espressione africana

Immagine9liberamente tratto da “Favola d’amore” di Herman Hesse

domenica 29 maggio ore 19.30 Teatro Nazionale, Milano

coreografia e regia: Marina Michelis
musicisti: Babà Diarra, Mario Frascotti, Marco Licata, Tinuviel Orlandi
voce fuori campo: Sara Facchinotti
danzatrici: allievi dei corsi di danza d’espressione africana

La performance è all’interno dello Spettacolo di fine anno di Let’s Dance Via T. Gulli 45 Milano

Lezione aperta natalizia

Immagine1

Una serata per festeggiare il NATALE e IL RITORNO DELLA LUCE!
la lezione è aperta a tutti, agli allievi dei corsi e a chi ha voglia di danzare insieme a noi, e a seguire brindisi con le golosità che ognuno vorrà portare e vendita di gioielli Tuareg dell’associazione MASNAT 
http://www.masnat.fr/
per gli esterni la lezione è gratuita

danza: 
Marina Michelis
musicisti:
Babà Diarra, Mario Frascotti, Tinuviel Chiarafonte Orlandi, Marco Licata
canto:
Tinuviel Chiarafonte Orlandi

21 dicembre ore 20-22 Spazio MamiWata Via Savona 134 milano

“LA DONNA SCHELETRO” performance di danza d’espressione africana

Immagine2

liberamente tratto da “Donne che corrono coi lupi” di Klarissa Pinkola Estes 
lunedì 8 giugno 2015 TEATRO CARCANO Milano

coreografie: Marina Michelis
musicisti: Kassoum Diarra. Babà Diarra, Mario Frascotti, 
Marco Licata, Tinuviel Chiarafonte Orlandi
canto: Tinuviel Chiarafonte Orlandi
voci fuori campo: Sara Facchinotti
danzatrici: allieve dei corsi di Marina Michelis

“La donna scheletro giace in fondo al mare, rivoltata dalle correnti, sola. Lui le lancia, suo malgrado, un amo e la riporta in superficie, scheletro eppure viva. Ma tanta sete di vita scatena il terrore di vedere in quegli occhi cavi, i propri… poi, la paura lascia spazio alla dolcezza, che placa un’antica sete. Lo scheletro, rinvigorito, si avvicina silenzioso all’uomo, e ne prende il cuore, vitale tamburo, lo suona con forza e ritrova ad ogni battito sembianze di donna. I due ora uniti camminano insieme in un mondo migliore, nutriti dalle creature delle profondità marine”